Dovadola, da oggi le celebrazioni per il terzo anniversario della beatificazione di Benedetta Bianchi Porro

​Un’incrollabile fiducia nell’Amore “disceso dal Cielo” e nel prossimo, la lotta, tutta la vita, contro la sua malattia. “Prima sentivo ​Dio ​così lontano. Ora so invece che è dappertutto anche se noi non lo vediamo; addirittura il regno di Dio è in noi​”. La Venerabile Serva di Dio Benedetta Bianchi Porro​, nata​ a Dovadola​ nel 1936, costretta per una neurofibromatosi a rimanere immobilizzata a letto per parte della sua esistenza, vide riconosciuta “l’eroicità delle virtù” da Giovanni Paolo II nel ’93. Divenne beata per la guarigione miracolosa di un giovane genovese grazie alle sue preghiere.

​Stasera alle 20, nella Badia di Sant’Andrea a Dovadola, ​una messa celebrata ​da​l ​vescovo di Forlì-Bertinoro mons​ignor​ Livio Corazza​ ne commemorerà la figura. Domani alle 11​ in un’altra funzione ​il parroco di Dovadola, don Giovanni Amati​,​ ricorderà il terzo anniversario della sua beatificazione​​. Per chi volesse informarsi sulla figura di Benedetta Bianchi Porro (​la cui Fondazione ​è diretta da mons​ignor​ Pietro Fabbri, vicario generale emerito della diocesi di Forl​ì),​ è attivo il sito www.beatatbenedetta.org

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

A Civitanova l’antologia di Sauro Cecchi

Dal 21 aprile al 5 maggio, l’ex chiesa di Sant’Agostino di Civitanova Alta ospiterà “Antology”, la mostra dell’artista marchigiano Sauro Cecchi, patrocinata dal Comune di