Acquisti comuni e sostegno alle imprese, l’Ue trova un accordo

Una piattaforma comune di acquisti, 40 miliardi di fondi di coesione destinati alle imprese. L’Europa trova faticosamente la sua strada su uno degli aspetti fondamentali per la sua tenuta: l’acquisto collettivo di gas è a titolo volontario ma obbligatorio al 15% degli totale dei stoccaggi nel continente. Poco restia a un nuovo debito comune, l’Ue però sosterrà le aziende con “rilevanti strumenti a livello nazionale e Ue”. Così ha commentato la presidente della Commissione, Ursula von der Leyen: “Ora dobbiamo lavorare sull’attuazione degli strumenti che abbiamo approvato, a partire dagli acquisti comuni, dalla condivisione del gas e dalla limitazione dei prezzi eccessivi”.

Soddisfatto il premier (uscente) italiano, Mario Draghi, che ha commentato: “È andata bene”. Sul Sure valutazioni diverse: la flessibilità chiesta da alcuni Paesi è rigettata da altri, come l’Olanda. “Prima di tutto dobbiamo usare i fondi che abbiamo e solo dopo valuteremo cosa potrebbe essere necessario” ha commentato il premier Mark Rutte.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita