La Finlandia ha deciso: “Un muro di 260 chilometri tra noi e la Russia”

Il progetto, proposto dalla Guardia di frontiera, è piaciuto a tutti. La Finlandia è oggi partner Nato, motivo per cui molti russi hanno deciso di passare il confine in rotta con la politica di Putin o per evitare l’arruolamento forzato. L’idea è di costruire un muro lungo 260 chilometri per “separarsi” dal vicino di casa, la Russia appunto. In quattro anni dovrebbe essere pronto per una spesa di centinaia di milioni di euro.

Per limitare l’esodo verso il Paese, che era neutrale fino a pochi anni fa e con la guerra si è schierato con l’Occidente, un muro è ciò che tutti ritengono essenziale, indipendentemente dallo schieramento politico. La Finlandia ha paura di Putin e dei possibili sviluppi del conflitto in corso. Ha infatti deciso di incrementare le spese militari del 40% e spendere di più di quel 2% del Pil che è quanto fanno tutti i Paesi europei.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita