Un Governo politico. Gli italiani lo giudicheranno su economia, diritti e politica estera

​La Politica è tornata a comandare. Dopo tanti Governi tecnici – molti dei quali richiesti dall’Europa più che dall’Italia – abbiamo un esecutivo che torna ad essere espressione di una maggioranza. E dunque non c’è da stupirsi che chi ha vinto le elezioni scelga ministri di sua fiducia. Il nuovo Governo è ora atteso all’unica prova che ci compete, quella dei fatti. C’è chi sostiene, in queste ore e a priori, che le persone scelte non siano all’altezza, soprattutto per la loro colorazione politica. Ma a ben guardare, solo un paio di caselle, su 24, fanno storcere la bocca. La Meloni ha scelto da sola e si prenderà tutte le responsabilità di questo.

Su tre punti gli italiani saranno inflessibili nel giudizio: sui diritti (che non vanno toccati), sulla pluralità dell’informazione (che deve essere garantita) e sui conflitti d’interesse (trasparenza, innanzitutto, il nostro Paese la merita).

Sull’economia c’è bisogno di decisioni rapide. Sulle politiche estere, Antonio Tajani è sicuramente capace di essere in sinergia con Bruxelles e, nel caso, di smarcarsi da Berlusconi. Sulle questioni di coesione del Paese, il leghista Calderoli ministro delle Riforme e Autonomie è controbilanciato dal “sudista” Nello Musumeci, Ministro del Mare e Mezzogiorno.

E’ un Governo che può durare se gli alleati non tradiscono. Ha una legittimazione popolare forte. Questo significa che, laddove vi sia, va spazzata via la nostalgia di qualche “camerata” per quanto è successo settant’anni fa. L’errore madornale di questo Governo può essere solo guardare indietro e perdere tempo.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

“Una noche con Sergio Bernal” a Fermo

Si illumina Villa Vitali, a Fermo, con il ballerino spagnolo Sergio Bernal. Civitanova Danza – festival dedicato al maestro Enrico Cecchetti, realizzato su iniziativa di Civitanova Marche, dell’Azienda Teatri di

Lasciate sbocciare i cento fiori

E’ stata inaugurata la mostra d’arte “Lasciare sbocciare i cento fiori” (da una famosa frase di Mao): verrà ospitata all’auditorium Sant’Agostino di Civitanova Alta. Il percorso esplora