Protesta contro i cori razzisti. Allenatore espulso e squalificato per un mese

Un mese di squalifica per aver protestato contro gli insulti razzisti che provenivano dalle tribune. La vicenda, riferita dal quotidiano olandese “de Volkskrant”, è capitata al tecnico olandese dello Zalaegerszegi, Ricardo Moniz: alle sue rimostranze, l’arbitro ha tirato fuori il cartellino rosso e in seguito la Federcalcio ungherese lo ha punito con una sospensione da tutte le attività.

Un mese che servirà, crediamo, soprattutto a far luce su quanto accaduto sabato scorso nel match fra Honved e Zalaegerszegi. Moniz aveva già protestato nella partita precedente e sempre per lo stesso motivo. “Ogni volta che il nostro attaccante congolese Manzinga prende la palla dalle tribune si sentono solo ‘versi di scimmia’. Mi sono recato dall’arbitro e gli ho detto che doveva farli smettere. In tutta risposta mi ha espulso” ha dichiarato l’allenatore.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita