Inchieste e conti sballati. Terremoto in casa Juve: si dimette il Cda. Agnelli lascia dopo 12 anni da presidente

“Riteniamo opportuno rimettere al consiglio le deleghe, considerata la centralità e la rilevanza delle questioni legali e tecnico-contabili pendenti”. I conti sballati, i chiarimenti richiesti dalla Consob e l’inchiesta Prisma (società indagata insieme a 15 persone per false comunicazioni sociali, ostacolo all’esercizio degli organi di vigilanza, aggiotaggio informativo e false fatturazioni per operazioni inesistenti) hanno fatto “esplodere” la Juventus.

Dimissioni di massa: oltre al presdiente Andrea Agnelli, si sono dimessi il vice Andrea Agnelli non è più il presidente del club bianconero, e con lui lasciano anche Pavel Nedved e il dg Maurizio Arrivabene. Club decapitato, il nuovo presidente è Gianluca Ferrero, il nuovo direttore generale è Maurizio Scanavino che, con il Cda decaduto, traghetterà la società torinese all’assemblea degli azionisti del prossimo 18 gennaio.

Non c’era insomma più tempo per amministrare il gruppo: a meno di clamorosi dietrofront a primavera ci sarà il processo che chiarirà cosa è successo in casa Juve. Agnelli lascia dopo 4756 da numero uno. Ha portato i bianconeri a vincere nove scudetti consecutivi, 19 trofei in tutto e ha fatto costruire lo Stadium. “Stiamo affrontando un momento delicato societariamente e la compattezza è venuta meno. Meglio lasciare tutti insieme dando la possibilità a una nuova formazione di ribaltare la partita. Siamo abituati per storia e Dna a vincere. La nostra consapevolezza sarà la loro sfida: essere all’altezza della storia della Juventus. Io continuerò a immaginare e a lavorare per un calcio migliore”.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Willem de Kooning e l’Italia

Alle Gallerie dell’Accademia  di Venezia (tutti i giorni dalle 8.15 alle 19.15, tranne il lunedì 8.15-14, aperta fino al 15 settembre) è stata inaugurata la

Residenze digitali, Amat premia un fanese

Premiata la creatività marchigiana nella quinta edizione di Residenze Digitali, una chiamata nazionale agli artisti della scena contemporanea che vogliano espandere i propri confini esplorando lo spazio

Claudio Bisio, come raccontarsi male

Martedì 23 e mercoledì 24 aprile, alle ore 21.15, salirà sul palco del teatro Rossini di Civitanova Marche un Claudio Bisio accattivante, carismatico e irriverente con La mia vita