La Germania boicotta il Mondiale. Pub compresi

Se gli italiani hanno scarso interesse per il Mondiale per la seconda assenza consecutiva della loro nazionale, la Germania non brilla per attenzione. Non è a causa della Mannschaft che ha rimediato, sinora, solo un pareggio con la Spagna e una dolorosa sconfitta con il Giappone (sei giocherà tutto nella partita con il Costa Rica, sperando che gli uomini di Luis Enrique sconfiggano i nipponici come da pronostico). Il vero motivo sono i diritti.

La nazionale tedesca ha già protestato anche in campo, coprendosi la bocca in un gesto eclatante che ha fatto il giro del mondo. I tedeschi in patria invece, delusi dalla scelta Fifa di far disputare un Mondiale in un Paese considerato illiberale, preferiscono in queste settimane andare alla presentazione di un libro o a una mostra d’arte. Il torneo più popolare di tutti non lo seguono neanche i pub, che hanno deciso in gran numero di non trasmettere le partite. La folta tifoseria del Borussia Dortmund ha invitato gli appassionati a boicottare la manifestazione.

Il ministro degli interni tedesco, Nancy Faeser, per protesta ha indossato nell’ultima partita della Mannschaft la famosa fascia “One love”, quella contro ogni tipo di discriminazione. “Sostengo i giocatori in qualsiasi scelta, ma adesso è il momento di manifestare il proprio dissenso verso chi pensa che non siamo tutti uguali” ha sottolineato. E la Federcalcio tedesca ha aggiunto che “i diritti umani non sono negoziabili”.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

A Civitanova l’antologia di Sauro Cecchi

Dal 21 aprile al 5 maggio, l’ex chiesa di Sant’Agostino di Civitanova Alta ospiterà “Antology”, la mostra dell’artista marchigiano Sauro Cecchi, patrocinata dal Comune di