Leggi scritte male: il PSOE non si fida più di Podemos (e viceversa)

Sei leggi sulle quali i partner di maggioranza non si trovano d’accordo rischiano di mettere in crisi l’esecutivo, adesso che è stato votato con successo al Congresso dei Deputati il bilancio che chiude di fatto l’azione politica in vista delle elezioni del prossimo autunno. PSOE e Podemos discutono in queste ore animatamente sulle leggi “chiave”: quella sulla Casa, la cosidetta legge “Mordaza”, la riforma delle pensioni, quella sulla Famiglia, sui Trans e la Legge contro tutte le forme di tratta di esseri umani (riferita non solo allo sfruttamento sessuale, ma anche a lavoro forzato, schiavitù e tutte le forme  di sfruttamento).

Per esempio sulla Legge sulla Famiglia, voluta dal ministro Ione Belarra, i socialisti, che poco si fidano dei Podemos, l’hanno bloccata “per questioni tecniche”. E’ la conseguenza di ciò che è successo con la Legge del “Sólo sí es sí” che, scritta male a giudizio degli esperti, ha reso possibile un’applicazione erronea dei giudici nel caso Arandina, in cui la condanna finale è stata ridotta di un anno. Anche sulla Legge Trans, già approvata in Consiglio dei Ministri, quelli del PSOE non si fidano, tanto da preparare emendamenti a un testo varato con gli stessi voti socialisti. 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Trent’anni dopo Hank è vivo

Nuove edizioni dei suoi capolavori, uno spettacolo teatrale di Roberto Galano dal titolo significativo, “Una notte con Hank” (e il suo piccolo uccello azzurro nel