Wenders, Kaurismäki e Loach. A Cannes i film sono una (commovente) elegia della marginalità

La Palma d’oro è andata a un thriller legale, “Anatomie d’une chaute”, di Justine Triet. Premio Gran Prix a “The zone of interest” di Jonathan Glazer. Trentaquattro anni dopo aver sedotto Cannes con il suo celebre “Paris,Texas”, Wim Wenders, grande favorito, non è riuscito a conquistare l’ambito premio con il suo commovente inno alla vita, “Perfect Days”, la storia di un addetto alle pulizie dei bagni di Tokyo (lo straordinario Koji Yakusho), nella esistenza quotidiana umile e ripetitiva, tuttavia piena, in ogni dettaglio, di Bellezza (non retorica, come nello stile del regista tedesco).

Ma, attenzione, di film belli quest’anno ce ne sono stati molti: ​da “Kuolleet lehdet​”​ (Le foglie cadute) di Aki Kaurismäki, ​altra elegia alla marginalità (è l’incontro tra due solitari, l’impiegata in un supermercato Ansa e il problematico Holappa), a “Kuru otlar üstüne​”​ (Le erbe secche​ sono​ decisamente un festival autunnale…) ​del turco Nuri Bilge Ceylan, ​da “​Monster​”​ del ​venerato coreano Kore-eda​ a “Rapito” di Marco Bellocchio, storia di Edgardo Mortara, un bambino ebreo di 7 anni, preso a forza dai soldati di papa Pio IX ​per convertirlo alla fede cattolica.

Presidente della giuria del 76esimo Festival è stato lo svedese Ruben Östlund​ (che qui ha vinto nel 2017 con ​”​The Square​” e cinque anni dopo con “Triangle of Sadness​”). In concorso anche l’immortale Ken Loach con il bellissimo “The Old Oak​” e gli italiani Nanni Moretti con ​”​Il Sol dell’avvenire​” e Alice Rohrwacher con “La Chimera”.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

“Una noche con Sergio Bernal” a Fermo

Si illumina Villa Vitali, a Fermo, con il ballerino spagnolo Sergio Bernal. Civitanova Danza – festival dedicato al maestro Enrico Cecchetti, realizzato su iniziativa di Civitanova Marche, dell’Azienda Teatri di

Lasciate sbocciare i cento fiori

E’ stata inaugurata la mostra d’arte “Lasciare sbocciare i cento fiori” (da una famosa frase di Mao): verrà ospitata all’auditorium Sant’Agostino di Civitanova Alta. Il percorso esplora