Rino Gattuso, a Valencia non gli perdonano neanche una sigaretta

Rino stavolta ci deve mettere tutta la grinta che aveva in campo. A Valencia, dove ha cominciato una nuova avventura da allenatore, infatti è una polemica dopo l’altra. Prima le accuse su qualche sua dichiarazione “contro donne, omosessuali e giocatori di colore” (parole smentite, ma che gli sono valse il mancato approdo sulla panchina del londinese Tottenham), adesso le immagini di un allenamento in cui fuma la sua sigaretta elettronica. Non si può? Sembra che non si possa.

E’ un’atmosfera un po’ strana quella che si respira in un club che deve rilanciarsi dopo una stagione fallimentare, tra cui la finale della Coppa del Re persa contro i sevigliani del Betis. José Bordalás ha perso il posto per questo. E Gattuso, che ha l’anima e il carattere per fare il suo lavoro a Valencia, deve lottare contro gli hashtag e i gruppi social che lo vogliono via dalla Spagna.

Tanto capace quanto poco fortunato il calabrese che vinse con l’Italia il Mondiale: prima il benservito da parte del Napoli dove ha fatto una grande stagione e poi il mancato accordo con la Fiorentina. E adesso le polemiche, che sembrano del tutto ingiustificate.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

Trent’anni dopo Hank è vivo

Nuove edizioni dei suoi capolavori, uno spettacolo teatrale di Roberto Galano dal titolo significativo, “Una notte con Hank” (e il suo piccolo uccello azzurro nel