Come in Spagna. La Polonia sceglie l’Europa e boccia le accelerazioni a destra

Come nella prima volta in cui votarono, dopo la dittatura comunista. Affluenza senza precedenti quella alle urne in Polonia (73% degli aventi diritto, era stata del 62,7% del 1989), dove stavolta si decideva il futuro del Paese: euroscettico o saldamente in Europa. Perchè in otto anni di governo guidato dai conservatori di Giustizia e Libertà (PiS) molti polacchi hanno dubitato sulla tenuta democratica del Paese.

Il PiS di Jarosław Kazcyński si è confermato prima forza politica, ma ha perso la maggioranza in Parlamento e qualunque alleanza si studi non governerà. Merito di Piattaforma civica, il partito d’opposizione guidato dalla figura che raggruppa tutti coloro a favore di un’Europa unita, Donald Tusk, ex primo ministro e già presidente del Consiglio europeo.

Il voto era stato definito come “l’ultima opportunità di salvare la democrazia” e cambia gli scenari nel continente specie dopo il voto analogo in Spagna poche settimane fa, in cui gli elettori hanno respinto le forze euroscettiche dando probabilmente al Paese un Governo a guida socialista. Ma in Polonia Tusk potrebbe trovare avversari in più, il presidente Duda che è “vicino” al PiS, il Tribunale Costituzionale e molte istituzioni controllate dal partito che ha governato quasi un decennio.

Tra le priorità del possibile governo di Tusk ci sono “scongelare” i fondi della Commissione Europea, fermi a Bruxelles per i continui bracci di ferro con il PiS, e il ripristino dell’indipendenza dei giudici, oltre naturalmente restituire dignità alla stampa così pesantemente limitata.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
On Key

Related Posts

“Una noche con Sergio Bernal” a Fermo

Si illumina Villa Vitali, a Fermo, con il ballerino spagnolo Sergio Bernal. Civitanova Danza – festival dedicato al maestro Enrico Cecchetti, realizzato su iniziativa di Civitanova Marche, dell’Azienda Teatri di

Lasciate sbocciare i cento fiori

E’ stata inaugurata la mostra d’arte “Lasciare sbocciare i cento fiori” (da una famosa frase di Mao): verrà ospitata all’auditorium Sant’Agostino di Civitanova Alta. Il percorso esplora